Essere Genitori 3.0

Le tecnologie digitali sono in continua evoluzione: dal tempo libero alla scuola, dal lavoro alla gestione della casa… c’è forse qualche ambito in cui le tecnologie digitali oggi non vengono utilizzate? E non è forse vero che l’uso delle nuove tecnologie sta modificando anche il nostro modo di affrontare la vita di tutti i giorni, di trovare nuove soluzioni a problemi già noti?

Le tecnologie digitali non sono solo immagini scadenti e gossip, cyber bullismo e perdita di tempo, ma sono anche un’inesauribile fonte di informazione e comunicazione… per alcuni una vera risorsa di collaborazione e di socialità positiva. Quante cose non sapete dei vostri stessi cellulari? Quante APP scaricate al mese e per quali finalità? Perché ai vostri figli piace tanto chattare, condividere foto e pensieri, raccontare ciò che si fa e come lo si fa?

Per restare al passo con i nostri figli ci serve “raggiungerli”, ci serve colmare quel “digital divide” che separa noi, “nativi analogici”, da loro: “i nativi digitali”.

Sono aperte le iscrizioni alla II Edizione del Corso!

Welcome to Essere Genitori 3.0! Giovedì 13 Novembre dalle ore 16,30 alle ore 18

Sarà l’occasione per rispondere alle vostre domande, per raccontarvi maggiori dettagli sui nostri Laboratori Didattici e per raccogliere le vostre iscrizioni. Per maggiori informazioni o per prenotarvi potete contattarci  via email all’indirizzo info@museoartescienza.com o chiamandoci al numero 02 72022488

Moduli Corsi

 

Digital Media Awards
Durante gli incontri si sperimenteranno nuove tecnologie e applicazioni e si realizzeranno dei manufatti, individualmente e in gruppo per poter verificare direttamente i differenti approcci alla collaborazione e alla condivisione della conoscenza a cui sono già abituati i nostri figli.

Attraverso i feedback dei partecipanti tali percorsi formativi verranno via via personalizzati ed “aumentati”…

Al termine dei corsi i partecipanti riceveranno il Digital Media Awards:

CERTIFICATE

Per maggiori informazioni è possibile scrivere al Museo attraverso la sezione “Informazioni”

Dicono di noi
diconodinoi_1
“L’anno scorso, poco prima della mia laurea in Scienze della Formazione Primaria, mi sono iscritta al corso “essere genitore 3.0”. Ho 44 anni e la mia più grande paura di diventare maestra era di trovare in classe dei bambini che vivessero in un mondo diverso dal mio… dovevo assolutamente conoscere il loro modo di comunicare, scrivere, leggere e giocare. Ho sempre usato il computer, ma il web 3.0 per me era un mondo sconosciuto e così Paola mi ha aiutato a sconfiggere le mie paure e a comprenderlo, ad aprire una pagina Facebook e a scaricarmi delle App. Il corso mi è proprio servito a farmi vedere quante opportunità offrono i social network e le App, sia a livello personale che professionale, e così ne abbiamo analizzate e utilizzate alcune. In rete c’è un universo e imparare a come muoversi mi è stato utile per continuare a scoprire da sola la parte che più mi interessa.
In questi giorni sto comunicando con il mio gruppo di maestre, non so come potrei avere così tante informazioni se non avessi queste nuove amiche virtuali! E se troverò lavoro spero di essere pronta, non solo a comunicare con i miei alunni, ma a insegnare loro come farlo in modo attivo e intelligente e non solo a usare passivamente i tablet e i telefonini.” (M.P.)
diconodinoi_2

<<Ho seguito Paola in questo viaggio nella cultura digitale, per conoscere le potenzialità ed opportunità offerte dagli ultimi strumenti tecnologici, ma anche riflettere sulle loro implicazioni sociali e culturali. Ho molto apprezzato i risvolti pratici di alcune APP e gli esercizi svolti insieme.>>(E,B.)

<<Ho partecipato al corso essere genitori 3.0, assieme ad una amica. Io sono medico, di mezza età, invidiosa delle amiche più o meno giovani che io definisco “tecnologiche”, cioè molto pratiche con computer, smartphone, tablet, etc. Devo ringraziare Paola, se, dopo il suo corso, mi sono sentita meno “out”. Ho imparato inoltre che molte applicazioni sono utili e creative anche per i ragazzi, che vanno però indirizzati dagli adulti….ecco quindi l’importanza di conoscere tutte le possibilità di divertimento ed educative che offrono il web e i social.>>(P.G.)

<<Interessante l’approccio agli argomenti, attuali le problematiche rilevate e sicuramente accattivante e divertente il format, teso a incuriosire e coinvolgere noi “alunne”!Dico alunne perché io mi sono sentita così: come una bambina in prima elementare che deve mettere insieme simboli sconosciuti per imparare a gestire una lingua che usa ma in maniera limitata e non appropriata!!>>(S.T.)